domenica 2 agosto 2020

Goldwork weekend: scrivere in oro


Il mio problema è che solo gli errori mi fanno aprire gli occhi.
Mi manca quel lume geniale che anticipa le conseguenze delle mie azioni.
Ovviamente non solo nel ricamo, ma non è storia di questo blog...

Non ho previsto che sarebbe stato più saggio partire con il couching dalla convessità della curva, anziché dalla concavità, perché avrei ottimizzato il lavoro e limitato l'impatto delle chiusure dei fili oro (dove la punta delle forbici impunemente indica). Non ho poi calcolato che il mio minuzioso e ossessivo riempimento avrebbe ingolfato tutto.
Tornando ancora più indietro, forse non avrei dovuto mettere l'imbottitura... Ma vedo che lo fanno quasi sempre...
E che aver prima appuntato il Purl nel kit di Becky aveva funzionato, mentre qui insomma si sta deformando tutto.

E se state pensando che avrei dovuto acquistare un altro kit di Becky, anziché darmi a queste presuntuose prove, avete ragione solo in parte.
I kit sono fatti troppo bene per sbagliare e dunque imparo solo una parte della storia.
Che poi avete ragione...
Vi sento che mormorate...
Trovare soluzioni a sentimento non è imparare una tecnica.
No... Non lo è.
O forse sì?
E' che mi sono obbligata (pena la decapitazione) di alternare un kit di esperti ad una iniziale.
Tranquilli... 


Ho tirato per finire questa triste letterina perché era in arrivo...
Il nuovo corso della RSN!

EVVIVA, EVVIVA!

E' arrivato il corso avanzato! https://www.youtube.com/watch?v=ijoEgUUKu3E
E proprio come volevo: oro + Long&Short! E anche l'applicazione di pelle, che non ho mai fatto...



Da oggi mi ci fiondo!


3 commenti:

  1. Elizabetta sei grandissima! Bacio.

    RispondiElimina
  2. Mi sento quasi in colpa a darti un consiglio,dato che sei bravissima... sarebbe stato meglio finire il couching prima di bordare con il pearl purl. Altrimenti il pearl purl si deforma quando ci vai vicino con l'ago mentre fai il couching. Poi se lo metti alla fine, lo puoi usare per nascondere i bordi irregolari.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, invece, Luisella! A intuito avrei fatto anch'io così, ma poi mi sono lasciata condizionare dal kit di Becky (che a pensarci potrebbe essere una soluzione per principianti a casa da soli senza assistenza per correggere il tiro) e dal ricordo di un mio esperimento sul bizantino. Avevo testato che fare prima il punto erba permetteva di tenere di più i contorni, nonostante il rischio di pizzicarlo o lasciare vuoti. Però è ovvio che parliamo di materiali con ben altra tridimensionalità e consistenza. Nella prossima, comunque, ci provo!
      grazie!

      Elimina