venerdì 1 marzo 2019

In un campo di grano


Succede che, se stai troppo nella tua casetta estrema, ti metti a fare un progetto e a crederci più di quanto faresti se ti lasciassi continuamente sbattere a destra e sinistra e a farti inondare le orecchie da rumori molesti.
Mentre ricamavo qualche spiga, circondata da papaveri, fiordalisi, campanule e margherite, mi sono sorpresa a sognare di comporre i ricami su oggetti e gli oggetti su pagine. Mi accordavo con Laura al telefono su come impaginare le pagine e mi facevo prendere dall'ansia per un stampa di prova.
Capii che mi mancava Laura e mi convinsi che anche per lei fosse lo stesso.
Del resto... Come potevano non mancarle le mie telefonate notturne domenicali?


Dunque eccomi con l'ansia della stampa di prova. 
Col dubbio di non arrivare a Fili senza Tempo pronta.
Ma c'è anche una certa nuova consapevolezza in quest'ansia e forse sto imparando ad organizzarmi meglio e ad avere le idee più chiare. 
Cioè... 
Dalla prossima volta, intendo.

Sono tornata, in questi giorni, dietro ai banchi di scuola. 
Ero là (in ultima fila, sdraiata di traverso sotto il banco, caso mai i profe fossero stati mossi dalla malaugurata idea di fare domande) ad ascoltare cose che mai avrei immaginato di avere l'interesse a seguire (la vita davvero si srotola su imperscrutabili vie) e che mai avrei lontanamente sognato di riuscire a capire... Beh! Almeno in qualche parte...
Il punto è che ad un certo punto la malaugurata idea ce l'hanno avuta e mi sono dovuta presentare. Quando ho pronunciato la parola ricamo, preparata con uno strategico Vengo da un ambito atipico, straordinari eventi sono seguiti:
- Non mi sono impappinata
- Ho udito solo qualche brusio
- Nessuno è scoppiato a ridere

Sì! Sì! Ho anche scroccato la cena!

Mi dovete dunque scusare se ho abbandonato per un po' il blog e se lo uso ora per scaricare l'ansia. Ma l'alternativa è che mi roda le unghie. 
Ho ancora qualche pezzo per l'allestimento da finire, eppure ho deciso che non potevo farvi aspettare oltre e che avrei dovuto far trapelare qualcosa. 
Mi pare quasi un tradimento.
Sono sempre arrivata al punto dopo aver raccontato anche troppo.
Questa volta le cose si sono evolute rapidamente, senza respiro e insomma eccomi qui.
Se tutto va bene, per la prossima settimana vi faccio un bel post.
Intanto vi lascio con le mie due creature: il grembiule di Conti&Molinari ricamato in treno e l'indossatrice senza testa. 
Vi assicuro che non ce l'ha, anche se sembra...




16 commenti:

  1. Cara Elisabetta, come al solito i tuoi ricami suscitano grande stupore e meraviglia, spero che al più presto venga pubblicato un altro tuo libro con le ultime novità,o almeno un kit con schema, indicazione dei punti utilizzati e colori. Grazie e tanti complimenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Adriana! Sarà un piccolo album! Appena arriva, racconto! Grazie ancora per il tuo commento!

      Elimina
  2. More, absolutely beautiful work! Elizabeth, I always enjoy seeing your latest post with the amazing stitching....

    RispondiElimina
  3. EL DELANTAL ES PRECIOSO Y ESAS FLORES CHIQUITAS UNA HERMOSURA.
    SALUDITOS

    RispondiElimina
  4. Your embroidery amazes me! Absolutely beautiful work!

    RispondiElimina
  5. ME GUSTARIA QUE PASARAS POR MI BLOG!!
    HOY PUSE UNOS BORDADOS QUE ME DEJARON HELADA.SON UNA MARAVILLA.CHAUCITO

    RispondiElimina
  6. Son siempre preciosos tus trabajos, esos bordados de flores me encantan!!

    RispondiElimina
  7. C'est superbe. Je suis toujours en admiration devant vos borderies, tant par le choix des couleurs que la qualité technique et bien sûr la composition graphique. J'attends avec impatience que vous publiez ce modèle.

    RispondiElimina
  8. Rieccoci con le tue ansie...e rieccoci di nuovo con la creazione di lavori che ci rallegrano gli occhi ed il cuore.
    "Sono piccole cose" dici sempre...ma forse è proprio questo quello che ti rende speciale ai nostri occhi: la semplicità trasformata in lavori non pretenziosi ma ricchi di tecnica, gusto e raffinatezza. Tu sei quella che potrei definire " la ricamatrice della porta accanto" , quella che non avrebbe alcun problema ad aprire la porta di casa in jeans ed infradito anziche' con l'abito griffato ed i tacchi a spillo; i tuoi lavori apparentemente semplici sono in realtà un fantastico mix di tecnica sopraffina che ci lascia sempre meravigliati ma ci stimola anche ad osare, noi che non siamo professionisti ma appassionati del ricamo. Quello che provo quando vedo i tuoi lavori è sepmlicemente serenità, anche se capisco che arrivare al tuo livello è impresa ardua, ma comunque mi butto a capofitto nel carosello dei tuoi lavori cosi'allegri, nelle cromie da te usate, nei mix utilizzati tra classico e moderno...Ti dico quindi grazie di cuore, davvero grazie di cuore per condividere con noi tutto quello che fai

    RispondiElimina
  9. Sou apreciadora de seus bordados cada um mais lindo gosto muito de bordar e gostaria de saber onde comprar seus livros moro no Brasil e nao consegui encontrar onde moro

    RispondiElimina