giovedì 20 agosto 2015

L'evoluzione delle rose...


Da un po' di tempo percepivo che le mie rose fossero cariche di muffa e che avessero bisogno di subire una qualche mutazione genetica. Per fortuna e per sfortuna perdo tanto tempo in rete: grazie alle mie scorribande tra social e siti d'autore, ho insaccato buoni frutti.
Purtroppo non posso mostrarvi qui l'immagine ispiratrice: un ricamo splendido, con rose a punto vapore e altri fiori, che si intrecciano sinuosi a decorare la lettera "O", ma potrete vederla nella mia bacheca di Pinterest, qui. Non la posto, perchè non so chi l'ha fatta e, non potendo citare la fonte, evito.
Mi colpì subito per la sua raffinatezza e per l'evidente buon uso del punto mosca fitto per le foglie delle rose. Ho prontamente rubato alla misteriosa e perfetta autrice di quel ricamo la soluzione per le foglie.


Vi chiederete ora che cosa è quella specie di irregolare festoncino che allarga i petali laterali della rosa... Il punto si chiama cast-on stitch e in sostanza è un punto vapore in cui, al posto degli avvolgimenti sull'ago, si caricano delle maglie, come quando si avvia una maglia ai ferri! Se non siete pratiche della cosa, ecco il link al tutorial di Mary Corbett (Ah! Thank you Mary for your work!). Rispetto al fiore ricamato da Mary, io ho eseguito il centro della rosa come al solito, con punti vapore.
Anche l'accorgimento del cast-on stitch, fantastico per vivacizzare e per dare volume alla rosa, non è frutto del mio scarso genio, ma viene dagli interessanti lavori di Rosalie Wakefield. In particolare vi consiglio di visitare questa e questa pagina.


Essendo molto più grande delle rose che ricamo di solito, ho usato tre tonalità di rosso-rosa (DMC 816, 347, 3328) e un giallo per i nodini al centro (DMC 3820). Per foglie e spine i verdi DMC 610, 611, 3045, 918.
La stampa della rosa che vedete sullo sfondo mi è servita di ispirazione per disegnare la forma. Pensate che è una delle quattro o cinque stampe che uscirono in un Rakam quando ero piccola e che adesso decorano incorniciate e fin'ora incomprese le pareti... Del bagno! Urge trovare una collocazione più dignitosa...


12 commenti:

  1. Meraviglioso!!!! Senza parole. Hai impreziosito le tue "vecchie rose" e ci hai regalato un fiore stupendo. Da ammirare la tua voglia di sperimentare.

    RispondiElimina
  2. Love the roses and this cast on stitch sounds tempting to try and many other things could be created with this stitch. Have a great day from Carollyn!

    RispondiElimina
  3. I so like seeing another variation on your superb embroidery skills! I love the colors you used and your stitches are so fine and perfect....

    RispondiElimina
  4. Ma come, come non rimanere incantata dai tuoi capolavori, sei una 'Fata dei fili', l'ho sempre detto !
    Un bacio mia cara e grazie per la gioia che mi doni mostrandomi i tuoi lavori, sono una vera gioia per il cuore.
    Con affetto ed ammirazione
    Dany

    RispondiElimina
  5. stupendo lavoro, avevo visto il tutorial di mary corbett il suo sito e' una bella fonte di ispirazione, andro' a sbirciare anche gli altri che ci consigli di vedere

    RispondiElimina
  6. Anche se, come dici tu, le tecniche non sono frutto del tuo sacco tu sai darle un'interpretazione unica e personale. Come sempre sono ammirata.
    Grazie per i link e riferimenti che ci proponi, sono sempre interessanti.
    A presto Francesca

    RispondiElimina
  7. Bello davvero il punto vapore festonato( così me l'avevano insegnato a Point de Marque a Milano). L'hai provato per i fiorellino piccoli piccoli? Carichi una decina di festoni sul l'ago e poi chiudi entrando nel punto da cui eri uscita...viene un tondino in rilievo...simpatico. Ma certo avrai giá provato.
    Come va con la tua macchina magica da ricamo? Sono molto curiosa...quasi quasi cambio la mia!
    Ciao ispiratrice de mi corazon bordado !!!!

    RispondiElimina
  8. La broderie est magnifique bonne nuit Marie-Claire

    RispondiElimina