giovedì 8 gennaio 2015

Applicarsi alle applicazioni


Mettendo a posto le cartelle dei lavori dell'anno appena concluso, sono saltate fuori alcune foto di lavoretti non ancora postati. 
Ho sempre ammirato chi riuscisse a coniugare il ricamo con l'applicazione di cotonine o brandelli di tessuto vario. Se fossi una quilter, mi dedicherei senz'altro ai Baltimora (credo che si chiamino così) e cioè quei quilt che partono con la composizione di quadri ottenuti con applicazioni e poi trapuntati: per intenderci, i lavori che portano avanti le protagoniste del film Gli anni dei ricordi. Al contrario non amo le applicazioni rifinite col punto festone. 
Ma la realtà è che ho sempre odiato lavorare con piccoli pezzi di stoffa, perchè sono sempre stata sostanzialmente una ricamatrice da divano e mi sarebbe riuscito difficile gestire la rabbia di cercare i pezzi tra i cuscini. Adesso ho un po' di tempo per spostare la mia postazione di lavoro da una parte all'altra della casa e, incoraggiata dalla facilità dell'esecuzione del gufetto bagnino di Alfredo, mi sono lanciata nel provare qualche altra applicazione. Ulteriore non trascurabile fonte di ispirazione fu lo sfogliare in fiera un libro di un'autrice giapponese, intitolato Quilt Story (Yukari Takahara). I suoi personaggi hanno movimento, espressione ed è rimarchevole come sia riuscita ad utilizzare scampoli di ogni sorta. I suoi punti forse sono un po' frettolosi, ma le si perdona tutto, soprattutto perchè mette in mostra i suoi tentativi, evidenziando come uno stesso soggetto muti d'aspetto se abbinato a sfondi diversi, tessuti particolari e tecniche di esecuzione alternative.


Ho trovato questi deliziosi disegni in una serie di pubblicazioni dell'Antique pattern library, dedicata alla piegatura e all'intreccio dei nastri, di discutibile buon gusto, o comunque di un gusto appartenuto ad un'altra epoca. Però le figurine servite da modello sono sfruttabili. Oltre a queste due bambine, ci sono ragazzine in pose interessanti e una serie di donne in costume niente male. I libretti si chiamano The ribbon art book, ma il primo volume è il più fecondo.


Ne ho da fare di strada per migliorare l'esecuzione dei punti, soprattutto negli angoli! Ma la foga di provare qualcosa di nuovo mi ha fatto soprassedere al dubbio se tagliare la stoffa negli angoli, oppure ripiegarla.
Le mie figurine misurano circa 15 cm e per la dimensione dei tratti a punto erba, ho preferito usare un solo filo di mulinè.









15 commenti:

  1. Piękna praca, miło popatrzeć.

    RispondiElimina
  2. Elisabetta sei fantastica
    hai fatto un lavoro molto molto bello
    delizioso
    complimenti
    silvana

    RispondiElimina
  3. Delizioso e innovativo, complimenti è bellissimo!!!!!
    Emi

    RispondiElimina
  4. Leggere ed eleganti, complimenti !

    RispondiElimina
  5. superbe réalisation très originale!
    Bravo
    Bernadette

    RispondiElimina
  6. Belli ed originali! Che brava.

    RispondiElimina
  7. Sorprendente e bravissima come sempre!
    Buon lavoro... Marianna

    RispondiElimina
  8. Carissima Elisabetta, tu dici, ma io trovo che abbia già trovato un altro modo meraviglioso in cui esprimere la tua arte, senza pensare di fare ulteriori progressi, trovo tutto già talmente perfetto ed incantevole, sei sorprendentemente bravissima in ogni tipo di ricamo, una FATA DELL'AGO, praticamente !!!
    E' meraviglioso venirti a trovare, grazie per gli attimi di gioia che mi doni !
    Ti abbraccio augurandoti con affetto e gratitudine un sereno prosieguo del fine settimana
    xo
    Dany

    RispondiElimina
  9. Ciao, ti seguo da un po' di tempo con ammirazione!
    Per i Baltimora, o tecniche simili, guarda Peggy's Puzzle Blocks di Simple Studio Bird. Sul sito ci sono gli schemi, e su youtube i video tutorial.

    RispondiElimina
  10. Le figurine delle due bambine con il vestitino di cotone sono deliziose nella loro (apparente) semplicita'. Per gli angoli anche io mi sarei regolata come te applicando la regola dell'applique nel patchwork. Ma chi dice che non hai senso del colore? MI sembra che questo grigio e l'azzurro del vestitino sia perfetti, complimenti!

    RispondiElimina
  11. Elisabetta, questo lavoro è stupendo, trovo il soggetto molto bello, la tua esecuzione come sempre perfetta e adoro la stoffa che hai applicato....cosa dirti di più...è uno di quei lavori che mi fanno venire voglia di mettermi subito a cucire!!! un bacio Gabry

    RispondiElimina