giovedì 18 settembre 2014

Souvenir del duomo di Siena - Il pavimento


Ci sono dei luoghi in Italia che dovrebbero essere visitati obbligatoriamente da tutte le classi della scuola pubblica e trovo che tale mancanza sia un crimine, anche se i costi purtroppo sono quelli che sono. Ai vertici della mia selezione (frutto del mio esiguo girovagare) ci stanno Pompei e i mosaici di Ravenna. Da quest'estate entra nella top ten anche il Duomo di Siena. Lo avevo sicuramente già visto, perchè nella mia memoria già c'era Piazza del campo, ma l'età forse era ingrata e l'ho ammirato con gli occhi della prima volta.
Non sto a descrivere l'esuberanza di forme, colori e bagliori, perchè non ne sarei capace e perchè esaurirei lo spazio concesso ai blogger. Dico soltanto che lo stupore fu tale che al mio ritorno mi sgorgò un disegno rielaborato con le poche foto fatte e con quelle di due libercoli acquistati alla bottega dei souvenir. 
Aspetto a spiegare i riferimenti del disegno, concentrandomi solo sulla prima parte ricamata, dedicata al pavimento del duomo. Ho sempre postato le foto dei lavori finiti, ma adesso mi lancio in un Work in progress. Dovesse venire una schifezza..., Beh, forse sarà utile lo stesso.
Da quello che ho capito (perchè ho fatto la visita al Duomo coll'Alfredone in collo e un lieve capogiro) il pavimento di solito è coperto per evitarne l'usura. Siamo dunque incappati nel bel mezzo di un evento intitolato Divina bellezza, grazie al quale i mosaici, che non sono tutti mosaici, ma puzzle di marmi intagliati, possono essere ammirati in tutto il loro abbagliante splendore.
Dall'alto della mai ignoranza, li ho analizzati con l'occhio della ladra di immagini e mi sono portata a casa due dettagli per i più insignificanti...


Una fronda con un nido contenente tre uccellini e un dettaglio di una bordura perchè mi sembrava gradevole ad uso simil ars bizantina.


Quello che ne è uscito è un cerchio con fregi, contenente l'iniziale E. Secondo Anita sembra una moneta da 1 Euro, secondo altri un disco in vinile... Pazienza. Ho cominciato proprio da questo elemento perchè era quello che mi faceva più paura, visto che era ben prevedibile un cerchio distorto a punto stuoia. Pensa e ripensa, ho adottato la seguente soluzione...


Per ottenere un cerchio perfetto ho eseguito cioè una traccia a punto indietro spezzato (lo split stitch di Trish Burr) seguendo la forma di riferimento. Mentre ricamavo a punto stuoia ho realizzato troppo tardi che il bagliore del marmo si sarebbe potuto riprodurre con dei filati di seta. Forse ci aggiungerò del grigio di seta, ma, anche per ragioni tecniche, mi ci proverò solo dopo essermi dedicata alla S, che rimando... Alla prossima puntata!






lunedì 15 settembre 2014

Sarà nata Zoe?!


Un lenzuolino per Zoe e la copertina con iniziale a fiorelletti. Mancano le finiture perchè non spettava a me, ma mi diverto a immaginare la piccoletta sprofondata sognante tra i lini. 


Un'altra letterona si aggiunge all'alfabeto Rouyer, con la variante della magnolia (hai visto Claudia che ti ho rubato infine l'idea?!).


Per la scritta Zoe ancora punto erba a spessori variabili e, tra le rose, un po' di mezzo giliuccio...




giovedì 11 settembre 2014

Il punto erba a spessori variabili


Non so se si chiami davvero così, perchè l'ho sempre e solo sentito liquidato come punto erba, ma di fatto è un punto erba a spessori variabili
Comunque si chiami, è un gran casino. Lo trovo tutt'ora più difficile della copertura del punto pieno.
Il problema sta nel fatto che i punti devono viaggiare inclinati, ma la mano (forse solo la mia?) tende a portarli perpendicolari all'asse della curva, e infatti la A di Alfredo è sbagliata e la foto enfatizza crudelmente l'errore. 
Le scritte sono particolarmente rognose perchè le letterine rotolano di continuo e ti trovi a dover ogni volta cambiare direzione e importi pericolose inversioni a U.


Credevo di essere riuscita a darmi una regola per trattare ogni caso, ma sono caduta nuovamente nel dilemma filo esterno/filo interno: conto di venirne a capo.... Prima o poi.


Per le due scritte ho creato dei Frankestein: con Alfredo ho collegato la maiuscola del font Birds of Paradise (bellissime maiuscole, orrende minuscole) al corpo Brush script; con Federica la maiuscola è del Renaissance e il corpo è Abbeyline.


E nonostante il dilemma del punto erba, Alfredo ha iniziato l'asilo e non ci siamo fatti mancare le tradizionali scene strappalacrime dell'inserimento. E' a tutti gli effetti un gufetto rosso (anche se lui preferisce darsi del gufetto reale), con la mitica maestra Paola. Siccome però, da quando ha guidato il pedalò al mare, si sente soprattutto un bagnino, ho dovuto mettere insieme le due anime in uno schizofrenico sacchetto col gufetto bagnino rosso sul mare in tempesta: solo per miracolo siamo riusciti ad affittare il pedalò, a causa del mare grosso. 


Ogni mattina andava in spiaggia a fare gli occhi dolci alle barche e ci chiedeva speranzoso di poter prendere la barca del bagnino, ma la bandierina rossa sventolava inesorabile... Fino a che...


E mentre lui faticava al timone, gli altri due impunemente approfittavano della situazione...


Con nostalgia riguardo le foto del mare e attendo la grande festa del 15 settembre, quando TUTTI E TRE saranno finalmente a scuola!!
 Madre degenere, ma in... Feeeestaaaaa!!!

lunedì 1 settembre 2014

Una nuova avventura...


Chiunque nel tempo trasformi una passione artigianale in una piccola attività, si sorprenderà sognante ad arredare con la fantasia un efficiente angolo dei lavori, una minuscola quanto fascinosa bottega, una allegra e fervida scuola. Ne ho passate di tutte le sorti: dal ricamocafè con tavolini in ferro battuto e divanetti in velluto in una cornice di libri e antiche cassettiere, fino a un improbabile giardino d'inverno in un gazebo di cristallo nel bosco. 
Scontrarsi con la realtà toglie un po' di romanticismo ai sogni, ma l'entusiasmo ne esce fortificato e crea occasioni di scoperta di comunità più stimolanti di un bel locale.
Questo è successo quando ho incontrato l'Associazione Fantasiarte di San Bonifacio, che da anni si occupa di arte, anche attraverso l'insegnamento, coinvolgendo individui di tutte le età e promuovendo una partecipazione attiva ed emotiva che tanto mi piace. L'arte in questione ha un senso più ampio e profondo rispetto agli insegnamenti scolastici standard a cui siamo abituati e coinvolge discipline di diverso genere. Li si trovano tecnica e allo stesso tempo ricerca dell'equilibrio psico-fisico.
Mi ero ripromessa di non insegnare se non dopo anni di produzione per me e per altri e, pungolata da qualche amica, ho cominciato a pensare che i tempi, per alcune tecniche, stavano maturando. Quando ho finalmente preso coraggio, ho scritto una lunga mail all'Associazione Fantasiarte, perchè sapevo come lavorava, anche attraverso le esperienze scolastiche dei miei bambini, e pensavo che quella sarebbe stata la collocazione ideale per dei corsi di ricamo... 
Ebbene, incredula, annuncio che parte a ottobre questa nuova avventura della Scuola di ricamo a mano, ma rimando al sito dell'Associazione Fantasiarte per i dettagli.
Qui specifico che i corsi che ho progettato sono frutto di lunghi ripensamenti e sono stati programmati sulla base della mia esperienza maturata in ore di pratica, attraverso la rielaborazione di quanto imparato da altre maestre e dallo studio dei libri. Ho cercato di costruire il corso che io avrei voluto frequentare, con gruppi di studio monotematici. Lo so, lo so... E' un'impresa ardua, ai confini dell'impossibile, ma ci voglio provare! Trovo necessario che a tutte vangano date le stesse informazioni, con completezza, grazie all'ausilio di promemoria, foto e quant'altro.
Specifico per correttezza che non stiamo ovviamente parlando di una scuola professionale. Comunque in Italia purtroppo oggi non ce ne sono.
Ne consegue che, nonostante la generalità della locandina, al momento propongo dei corsi mirati all'esercizio del ricamo classico e, all'interno dell'insieme delle tecniche del ricamo classico, di quelle per le quali sento di potermi coinvolgere con serietà. Essendo il termine ricamo classico piuttosto vago e di interpretazione equivoca, specifico che mi occupo in sostanza di quei ricami per i quali è necessario riportare il disegno sulla stoffa.
Essendoci nella zona maestre e scuole che, con consolidata esperienza, si occupano di ricami a fili contati e di merletti di diverso genere, non posso e non voglio intromettermi nella loro attività, anche perchè tanto ho ricevuto da loro.
Tanta è anche la soddisfazione che ho ricevuto e che ricevo quando insegno alle amiche... E questo principalmente è il motore di tutto!

martedì 26 agosto 2014

La memoria dei nomi


Un regalo di compleanno per un paleontologo, diviso in quadretti sul coperchio di una scatola, che un po' è memoria della storia della vita sulla Terra, ma in particolare di quella, personale, del destinatario.


Le iniziali e i nomi, semplici o in combinazione tra loro, oppure posizionati su oggetti specifici, hanno un forte potere evocativo e fanno affiorare alla mente volti del presente e ombre del passato.
Sicuramente a voi la combinazione non dice niente, ma porgendo il regalo, per chi vive in questo specifico ambito familiare, non sono necessarie spiegazioni e io lo trovo curioso. Forse anche per questo motivo le iniziali hanno avuto tanto successo nella storia.


Marito e moglie, incisi su un sasso... 
Via! Ve lo confesso! Il sasso è venuto per caso... Avevo preparato un ovale per realizzare un cammeo come quello che feci per l'album con le iniziali GE. Questa volta decisi però di non applicare subito il cammeo alla stoffa per poi imbottirlo: preparai invece una sagoma di cartone ovale, ci posizionai sopra del feltro e, tirando la filzetta del contorno del mio ovale in stoffa, intrappolai il tutto. Quando mi ritrovai il sasso tra le mani, non esitai a dargli la giusta collocazione nella spiaggetta di conchiglie. 


Non ho fatto io il pizzo ad ago su cui è appoggiata (non incollata!) l'ammonite, bensì dalla nonna (oppure dalla zia) del destinatario.
Le quattro iniziali stilizzate a punto erba sono quelle dei figli. Avrei voluto piazzare quattro cristalli, ma mi sembrava un po' presuntuoso, visto che io sono una delle due E. Ho scelto dunque le nummuliti... 
Tranquille, zia Marghy e zia Nora! Le coproliti non le avrei messe davvero, anche se le avessi avute!!


Nell'ultimo scomparto rimasto, una foto di gioventù.


lunedì 4 agosto 2014

Antichità profanate


Come ben sapete, sono ormai assuefatta ai libretti antichi. 
Quando sfoglio consunte e screpolanti pagine di carta, oppure mi perdo nei meandri degli scaffali virtuali degli archivi web, immagino come rielaborare i disegni e quali punti utilizzare, dove posizionare il ricamo e quale oggetto costruire, con la costante frustrazione di non sapere a quale tecnica fossero destinati e quale livello di perfezione raggiungessero le donne del passato, che sorriderebbero oggi bonarie guardando i miei lavori, pensando forse che loro certe cose le facevano da bambine. 
Ho dunque quasi sempre la sensazione di commettere un crimine a deturpare i disegni splendidi che deliziano quelle carte ingiallite dal tempo e che, perso il loro utilizzo pratico, diventano opere d'arte proprio complete del loro consunto supporto.
Così nasce la sezione Antichità profanate, in cui inserisco questo primo lavoro, tratto da un Ingalls (229) del 1886. Mi ha rapito l'eleganza della bimba.


L'idea era di riprodurre sulla stoffa le caratteristiche di una pagina di un libretto antico. Ho scelto una canapa acquistata in un mercatino dell'antiquariato, che, anche se vintage, è industriale e quindi più maneggevole (ricamare sulle pezze di canaponi dei telai a mano è un'incubo). Ho riprodotto la linea del disegno con un marrone e ho profanato il disegno sostituendo i fiorellini con violente rose rosse.
Sapesse poi il disegnatore che con il suo disegno ho realizzato un tendone con balza a quadrettoni rossi per il bugigattolo dove lavo i piatti... 


Ho copiato il bottone dal libro 50 hairloom buttons to make di Nancy Nehring. Non è altro che un anellino da tenda rammendato (10 centisimi + filo!).
La parte più difficile?! Convincere il marito ad attaccare le staffe per il paletto al muro!!
Se aggiungere poche rose rosse e una tela quadrettata non vi sembra una gran profanazione... 
Aspettate che realizzi le strampalate idee che ho in mente!! Alla prossima!

Nota del 5 agosto...
Qualcuno mi ha chiesto via mail delle informazioni per riprodurre il lavoro e, visto che ci sono, le aggiungo qui...
Ho ingrandito il disegno a 32cm in altezza e ho ricamato tutto con due fili di mulinè, a punto erba i contorni principali, a punto indietro le piccole pieghe, a punto pieno le labbra e ovviamente a punto vapore le roselline e punto margherita le fogliette. Per dare volume al cesto di rose, le foglie dei fiori centrali sono a punto vapore.
Trovate il catalogo Ingalls a questo link.
Mi fa un immenso piacere che il mio lavoro sia servito da ispirazione! Questa del blog è davvero un'avventura strana, interessante e divertentissima!


mercoledì 23 luglio 2014

Fiori anche al centro estivo


L'annuale immancabile, indimenticabile, faticosissimo e piacevolissimo appuntamento con le bambine e ragazzine del Grest della Casa della Giovane si è concluso, dopo due settimane di fervido lavoro tra i fiori. Siamo partite a rilento, perchè le iscrizioni erano tante e le aiutanti poche, anche se tenaci. 
A chi aveva già frequentato il gruppo, abbiamo proposto le iniziali con i fiori, un po' come esperimento, un po' perchè eravamo sicure dell'ondata di entusiasmo che avrebbero generato.
Abbiamo tenuto costanti alcuni fiori, che ci servivano per insegnare o ricordare i punti base e poi, facendo circolare il libro di Diane Lampe e i campionari delle assistenti, ben presto l'indipendenza è stata raggiunta, la creatività è esplosa e hanno cominciato a ronzare api e a sfarfallare farfalle...

Il gruppo 2G  con le api ciccione!
La battaglia verso l'emancipazione è partita con Ester e con il suo ibisco, che doveva assolutamente inventarsi perchè ce l'ha in giardino. Ha subito fatto tendenza ed è diventato letteralmente di moda...




Lo so che le avete notate... A 13 anni si possono ricamare le roselline con assoluta perfezione. E allora... Perchè non da adulti?!

Isabel

Qualcuna ha preferito le roselline a punto rammendo, combinado deliziose palette cromatiche a cui ispirarsi...



Mara, 13 anni

Linda, 8 anni!
Claudia, 13 anni
Che invidia, eh?! Ma le avete viste la magnolia e le ortensie?! Nella mia prossima iniziale non mancheranno!!






La soddisfazione più grande?! Un lavoro extra, portato segretamente avanti in un qualche salotto pomeridiano da zelanti formichine...


Grazie a tutte voi!!

martedì 24 giugno 2014

Un malinconico viaggio verso Adele


C'è stato un tempo in cui abitavo a Novara, subito dopo sposata, nel tempo in cui il marito lavorava a quei viadotti dell'Alta Velocità che sembrano montagne russe. Ci siamo stati tre anni e lì è nata Anita: nella memoria Novara è la nostra isola verde e felice. Dopo allora siamo tornati un paio di volte, ma era da un po' che non ne annusavamo l'aria.
Domenica avremmo partecipato al Battesimo di Adele a Biella e non potevamo non cogliere la palla al balzo. Sabato dunque abbiamo stipato la tribù in macchina e al suon di Radio Italia siamo approdati in Piemonte.
Mi è bastato vedere in lontananza la De Agostini imboccando lo svincolo autostradale per sentirmi ribollire un non so chè all'altezza del petto, simile allo stritolio dei visceri in una morsa e, visto che sono una femminuccia, mi è concesso confessare di essermi messa a piangere come una fontana. 
Posso tingere i capelli e guardarmi da lontano allo specchio per nascondere il tempo che passa, ma questa terribile sensazione di tempo andato e irripetibile è un sintomo nuovo e troppo significativo. 
Siamo passati davanti alla Coop piccola, dove andavo a fare la spesa, e mi rivedevo, esausta, con la carrozzina, nella ciclabile a canticchiare ninna nanne. Davanti al parco coll'altalena usurata dall'Anita, il giorno prima che nascesse, tutto innevato. Davanti al piccolo appartamento, con le serrande abbassate, dentro cui potevo vedere (scene incredibilmente vive, come in sogno), il letto con il copriletto verde e il lettino con la trapuntina ricamata a punto croce e tutti gli oggettini nel loro posto e Anita che strillava, rideva, gattonava e combinava guai.
Ebbene sono arrivata alla conclusione che tutti dovrebbero vivere almeno per un po' lontano dalla routine. Mario e Alfredo sono nati dove vivo ora. Tutti i giorni vedo gli stessi scenari e questi di conseguenza hanno perso il loro potere evocativo. 
Già, per fortuna, dite voi... Altrimenti mi vedreste in giro a singhiozzare come una bimbetta infelice...
Ogni tanto dimentico che preferireste sentir parlare di ricamo: ho saccheggiato di nuovo Kira per il regalo di Adele. Quel bell'oggetto che si intravede in foto è un pouff con un cassettino, che vorrei poter dire di aver rivestito io, mentre invece è 100% Kira. Dai colori del pouff è nata la scatola per la bella Adele, che, nonostante i suoi tre mesi scarsi, ha già lo sguardo di una che sa il fatto suo.


La A è uscita, come spesso di recente, dal Libro delle lettere della Babbi Cappelletti ed è stato divertente giocare con l'ecrù e il rosa, che tanto mi facevano venire in mente le coppette panna e fragola, di cui mi è venuta una voglia matta.
Detto per inciso: sono nata a Biella, per anni sono andata a Biella almeno tre volte l'anno a trovare i nonni, ho vissuto a Novara a due passi da Biella, ci sono tornata questo fine settimana e... Non sono ancora riuscita ad andare nello spaccio dei Fratelli Graziano... AARGH!!

venerdì 6 giugno 2014

Saluto le maestre a scappo al mare


Anita è triste, perchè la sua maestra andrà in pensione e anche tanti suoi compagni non vogliono crederci! Dal loro affetto, trasmesso a noi mamme, è nato il regalo che abbiamo elaborato dopo lunghe meditazioni.
La matita rosso-blu ci è sembrata un simbolo chiaro e simpatico per celebrare la carriera dell'insegnamento e il resto è venuto di conseguenza...


Avevamo pensato ad una cornice, su cui montare matita e iniziale (indovinate chi si è proposto di ricamare l'iniziale?!), ma i tempi stringevano e non riuscivo a trovarne una adatta. Curiosando da Kira, ho sentito una vocina che mi chiamava e, neanche il tempo di girarmi, avevo comprato una scatola di legno anticato, su cui era poggiata una piastrella con decori culinari. Ho fatto fare alla piastrella una brutta fine e ho montato la S su base rigida interponendo un'imbottitura.


Per il fondo della scatola abbiamo scovato una bella frase di De Amicis.


E dopo fiumi di lacrime, scuola e commissioni terminate, fuggo con desiderio al mare per una settimana. 
Cosa c'è di più liberatorio che partire proprio l'ultimo giorno di scuola?!